Loading

Casamassima: il centro destra apre la campagna elettorale.

In una struttura, le Officine UFO, completamente rinnovata, il cui impegno di #menticreattive si è potuto apprezzare, venerdì 9 febbraio si è ufficializzato l’inizio della campagna elettorale per il centrodestra in vista delle elezioni politiche del 4 marzo prossimo.

Dei previsti oratori si sono visti solo Francesco Paolo Sisto e Tommaso Scatigna per Forza Italia e Nuccio Altieri, approdato nella Lega di Salvini a novembre scorso quando abbandonò Fitto al suo destino. Rimasti delusi quelli che si aspettavano di vedere occupata la poltroncina destinata a Marcello Gemmato, coordinatore regionale di Fratelli d’Italia, rimasta vuota.

Assente anche Michele Boccardi di F.I..

Le parole d’ordine che sentiamo in tv e sui mezzi di comunicazione sia per Forza Italia, che per la Lega, sono rimaste intatte. La flat tax (tassa forfettaria) che vorrebbe una tassazione uguale per tutti, ricchi e poveri, per Sisto di Forza Italia, e il sempre verde tormentone dei migranti brutti, sporchi e cattivi che il futuro ci stanno togliendo, tanto caro a Salvini e ad Altieri che lo rappresentava. Perchè si sa: fomentare le guerre alla base della piramide, garantisce lo status quo al vertice.

I discorsi degli oratori ed il brusio in sala, anche qui, lontano dai riflettori della stampa nazionale, hanno fatto si che ci interrogassimo sulle ragioni che vedono insieme due entità, Forza Italia e Lega, distanti fra loro anni luce sui programmi e sui metodi. Ma non c’era la Meloni a ricordarci che in fin dei conti …. so ragazzi.

 

Presenti fra gli altri, Maria Santa Montanaro, candidata alla Camera per la Lega nel collegio Puglia 01, Domenico Birardi (UDC confluita in Noi con l’Italia), Rino Carelli (Forza Italia), Franco Pignataro, Franco Reginella e Michele Bovino (F.d.I), Agostino Mirizio (candidato sindaco in pectore?) e Gino Petrone (Direzione Italia confluita in Noi con l’Italia).

 

 

Simpatico siparietto fra Mimì Orofino, già sindaco di Casamassima ed esponente del vecchio pentapartito a guida DC e Nuccio Altieri con Domenico Biradi a proposito del depuratore ancora inesistente al paesello e di cui tutti parlano, tutti si impegnano e che nessuno porta a termine.

 

 

Conclude la serata, iniziata alle 19, Rino Carelli, che dal palco si augura che la prossima coalizione che si presenterà per l’appuntamento di giugno per le amministrative, possa vedere insieme Forza Italia, Fratelli d’Italia, la Lega e la quarta gamba, UDC con Direzione Italia unite per bissare, si pensa, la vittoria a livello nazionale del centro destra..

Tutti a casa.
C’è Sanremo.

 

 

Commenti

commenti

Rispondi