Loading

Casamassima: finalmente la Rodari.

La Rodari, la Scuola primaria di via Bari, torna finalmente nella completa disponibilità degli studenti e del personale docente e non.

Oggi, anche se non c’era assolutamente nulla da inaugurare visto che la struttura è rimasta chiusa per lunghi anni causa lavori strutturali, i due piccoli cittadini che rappresentavano la totalità degli studenti casamassimesi, hanno tagliato il nastro che, simbolicamente, li ha divisi dalle loro aule, dai loro banchi e dal loro mondo rappresentato da quelle 4 mura che sono una fetta importante della vita.

Fortunatamente le polemiche strumentali e pretestuose che in questi giorni si sono riversate sui social fra il vecchio ed il nuovo sindaco non hanno trovato spazio e tranne qualche nota stonata che preferiamo non citare, niente è riuscito a disturbare quel sorriso che le bambine ed i bambini, vestiti con i loro tipici grembiulini blu, ci hanno saputo regalare a profusione e con gioia.

(Il sindaco G. Nitti e la Dirigente Reggente della Rodari M. Morisco)

Alla presenza non giustificata di tutta la giunta comunale e di numerosi consiglieri comunali di maggioranza nelle file delle autorità, con l’assenza imbarazzante di ex dirigenti scolastici che facevano dei sagrati delle chiese palchi per discorsi e con l’assenza di ex sindaci che tanto si sono spesi per quei lavori strutturali, abbiamo apprezzato e non poco le scuse formali delle istituzioni comunali, che a gran voce ha presentato il sindaco Giuseppe Nitti, che non ha trovato alibi per giustificare le enormi difficoltà che i piccoli cittadini studenti e le loro famiglie hanno vissuto in questi due anni di lungo travaglio che ha li ha visti lontani dalla loro Scuola.

Ci auguriamo che anche i piccoli di via Lapenna, ospitati da anni, troppi anni, in quei locali alla strada e quelli della Collodi, la scuola dell’infanzia costituente anch’essa il 2° circolo didattico, ancora in affitto al Majorana, possano vivere le stesse emozioni che oggi hanno vissuto per noi gli studenti della Rodari.

 

 

Commenti

commenti

Rispondi