Loading

Casamassima. Il Comune in «dissesto» ma con l’addetto stampa.

E’ stata firmata alle 22.15 del 28 dicembre scorso la Delibera di Giunta n. 169 avente per oggetto: Approvazione del Piano Triennale Fabbisogni di Personale (PTFP) anni 2019-2021 e ricognizione per l’anno 2019 di eventuali situazioni di esubero di personale nell’organico dell’ente.   

Dopo una serie di normative e leggi richiamate, quello che ha attratto di più la nostra attenzione è che nell’elenco riepilogativo il Piano triennale del fabbisogno del personale che dovrà essere assunto dal Comune di Casamassima figura, tra gli altri, anche, a cominciare dal 2019, di un Istruttore Amministrativo – Addetto Stampa Categoria C per un compenso annuo pari a € 31.100,55.

Come paragone, per le mansioni di addetto stampa presso il Comune, abbiamo soltanto quello di Rocco Gianluca Zaccheo, che lo vide, con l’amministrazione Cessa, rivestire il ruolo di addetto stampa dal 16 settembre 2016 e sino alla caduta del sindaco, per un importo annuale onnicomprensivo pari ad € 14.400.

Ma visto che il sindaco Giuseppe Nitti, questa volta, decide addirittura di raddoppiare e più il compenso per l’addetto stampa, ci chiediamo chi sarà mai chiamato a svolgere questo delicato ed importante ruolo? Se non più un semplice giornalista di provincia pronto ad “adoperarsi” per 1.200 euro mensili, chi avrà intenzione di chiamare a sé il sindaco Nitti per un compenso quasi pari a 2.600 euro, sempre mensili?

In queste ore si sta aprendo il toto nome: sarà Enrico Mentana che nei ritagli di tempo che non lo vedono impegnato nelle dirette ad occuparsi della comunicazione per l’amministrazione? Nicola Porro?  Marco Travaglio? Eugenio Scalfari? Milena Gabanelli? Alessandro Sallusti, oppure, sino alle 8 di sera, visto che dalle 8 e 30 in poi è impegnata in TV, la Lilli Gruber?

Ma il Comune, come asserito dal sindaco Nitti nell’ultimo Consiglio Comunale, non risultava “quasi sull’orlo del baratro” se anche il Consiglio di Stato dovesse dar ragione ai cittadini che hanno impugnato il piano Tari?

Ed allora come mai, nonostante il possibile dissesto, si da a queste spese “pazze”?

Fra le altre cose che questa delibera di giunta mette in evidenza, di cui continueremo a parlare in seguito, ci preme segnalare anche le solite sviste.

Nel frontespizio leggiamo:

Il giorno 28 dicembre 2018 alle ore 22.15 nella residenza comunale in apposita sala, il Sindaco Avv. Giuseppe Nitti proclamato alla carica di Sindaco in data 25 giugno 2018 come da verbale dell’ufficio elettorale centrale prot. n. 12273, con la partecipazione del Vice Segretario Generale dott.ssa Carmela Fatiguso.

Ed allora, se era presente la dott.ssa Carmela Fatiguso quale Vice Segretario Generale, come mai la delibera di Giunta è controfirmata dal Vice Segretario Ettore Massari?

Ma il nuovo Segretario Comunale non è il dott. Sergio Bruno che ci è stato presentato proprio durante uno degli ultimi Consigli Comunali? Ma quanti vice segretario ci sono?

Ecco cosa significa lavorare sino a tarda sera con tutta la stanchezza sulle spalle.

 

 

Commenti

commenti

Leave a Reply