Loading

Casamassima: niente seggio per Giuseppe Nitti alla Città Metropolitana.

Rimarrà al palo Giuseppe Nitti coordinatore provinciale di Italia in Comune e sindaco di Casamassima che non comparirà, se le indiscrezioni saranno confermate, in nessuna delle tre liste di candidati che il 6 ottobre prossimo si contenderanno le 18 seggiole di consigliere per il nuovo Consiglio della Città Metropolitana di Bari. Quindi nessuna delega ammissibile sarà possibile ricevere dal Sindaco Metropolitano Antonio Decaro.

Ancora una volta Casamassima non avrà rappresentanza alcuna all’interno del consiglio metropolitano in quanto consideriamo decisamente poco probabile, ma mai dire mai, che il consigliere Patrono del 5 Stelle, possa riuscire nell’impresa visto che i grillini per una rappresentanza nell’assise provinciale, avranno necessità di far convergere i voti necessari per il candidato di punta della lista.

Queste le liste.

Centrosinistra

Abbaticchio Michele, Bitonto

Anaclerio Alessandra, Bari

Bronzini Marco, Bari

Boccuzzi Tiziana, Conversano

Cardascia Domenico detto Mimmo, Gravina in Puglia

Caringella Giuseppe, Adelfia

De Robertis Dario, Molfetta

Di Terlizzi Raffaella, Ruvo di Puglia

Facchini Giovanni, Molfetta

Gatti Antonella, Adelfia

Giulitto Giuseppe, Bitritto

Indiveri Felice, Monopoli

Laporta Michele, Cellamare

Maurodinoia Anna detta Anita, Bari

Pietroforte Francesca, Acquaviva delle Fonti

Stragapede Antonio, Gravina di Puglia

Vaccarella Elisabetta, Bari

Vitto Domenico, Polignano a Mare

Centrodestra

Fabio Romito, Bari

Antonio Ciaula, Bari

Filippo Melchiorre, Bari

Francesco Leggiero, Bari

Carlo Scarabaggio, Altamura

Michele Digregorio, Santeramo in Colle

Giovanni Mastrangelo, Gioia del Colle

Sebastiano Delfine, Putignano

Pietro Barletta, Monopoli

Orazio Saulle, Ruvo di Puglia

Laura Manginelli, Bari

Antonella Teresa Marzella, Giovinazzo

Marianna Milano, Gioia del colle

Giovanna Sardone, Toritto

Marisa Santa Damiani. Cellamare

Movimento 5 Stelle

Rosa Cataldi, Gravina in Puglia

Michele Daniele, Mola di Bari

Antonello Delle Fontane, Bari

Nicola Di Pinto, Noicattaro

Silvia Fraccalvieri, Santeramo in Colle

Pasquale Lamacchia, Sannicandro di Bari

Rocco Lillo, Santeramo in Colle

Giuseppe Patrono, Casamassima

Alessandra Piergiovanna Simone, Bari

Maria Elisabetta Pani, Bari

Ma cos’è e quali gli organi della Città Metropolitana?

La Città Metropolitana nasce, nell’intenzione del legislatore, come «Città dei Comuni» e quindi come ente di area vasta a servizio dei Comuni di una determinata area, per la necessità di governare alcune specifiche parti del territorio nazionale a maggior concentrazione di popolazione e maggiore importanza economica e produttiva.

Gli organi della città metropolitana sono tre, ma solo uno è elettivo. Il Sindaco metropolitano è infatti il sindaco del comune capoluogo, Antonio Decaro, mentre la Conferenza metropolitana è composta dal sindaco metropolitano e dai sindaci dei comuni della Città Metropolitana.

Terzo organo è il Consiglio metropolitano.

Il Sindaco metropolitano è di diritto il Sindaco del Comune capoluogo. Se previsto dallo Statuto (contenuto facoltativo), può essere eletto a suffragio universale diretto, a condizione che entro la data di indizione delle elezioni, il Comune capoluogo sia stato articolato in più comuni e la Regione abbia provveduto con legge regionale all’istituzione dei nuovi comuni ed alla loro denominazione. Il Sindaco metropolitano convoca e presiede il consiglio metropolitano e la conferenza metropolitana e sovrintende al funzionamento dei servizi e degli uffici e all’esecuzione degli atti. Non è prevista la corresponsione di emolumenti, essendo remunerato l’incarico di sindaco del comune capoluogo. Può nominare un Vicesindaco tra i consiglieri metropolitani eletti e può assegnare deleghe a singoli consiglieri.

Il Consiglio metropolitano è un organo di indirizzo e di controllo eletto con elezione di secondo grado, composto dal sindaco metropolitano e da un numero di consiglieri variabile in base alla popolazione della Città Metropolitana. In particolare, 24 consiglieri nelle città metropolitane con popolazione residente superiore a 3 milioni di abitanti; 18 in quelle con popolazione residente superiore a 800.000 e inferiore o pari a 3 milioni di abitanti; 14 consiglieri nelle città metropolitane fino a 800.000 abitanti. Il Consiglio metropolitano dura in carica 5 anni (salvo rinnovo del comune capoluogo). L’elettorato attivo e passivo coincide: si tratta dei sindaci e dei consiglieri dei comuni della Città Metropolitana

I comuni che compongono la Città Metropolitana di Bari sono 41. In riferimento alla fascia demografica cui il comune figura, il voto che i componenti dei consigli comunali esprimeranno avrà un “valore” differente (ponderazione); maggiore sarà il numero dei residenti il comune, maggiore sarà il peso del voto espresso.

Ponderazione Città Metropolitana Bari

Dunque Scheda Gialla per Bari con 205mila abitanti (voto vale 820), Scheda Verde per i Comuni tra 30mila e 100mila (voto vale 200), Scheda Rossa per i Comuni tra 10mila e 30mila (voto vale 80), Scheda Grigia per i Comuni tra 5mila e 10mila (voto vale 45), Scheda Blu per i Comuni fino a 5mila (Binetto e Poggiorsini, voto vale 15).

I consiglieri uscenti sono:

Abbaticchio Michele, Vice Sindaco, Delegato in materia di Pianificazione Strategica Generale -Pianificazione Territoriale Generale”;

Pietroforte Francesca, Delegata in materia di “Beni Culturali e Attuazione del programma”;

Lacoppola Vito, Delegato in materia di “Programmazione della rete scolastica del territorio metropolitano, Edilizia scolastica e Patrimonio”;

Stragapede Antonio, Delegato in materia di “Promozione e coordinamento dello sviluppo economico del territorio metropolitano”;

Valenzano Giuseppe, Delegato in materia di “Promozione e coordinamento dello sviluppo sociale, servizi alla persona, lavoro e formazione professionale”;

Sciacovelli Nicola, Delegato in materia di “Polizia metropolitana e Raccordo degli interventi delle forze di polizia locale” – ” Promozione e coordinamento del sistema dei trasporti “;

Laporta Michele, Delegato in materia di “Bilancio e Programmazione Economica” – “Promozione e coordinamento del sistema della viabilità”;

Longobardi Pasquale Delegato in materia di “Programmi di iniziativa comunitaria”;

Cardascia Domenico, Carrieri Giuseppe, Cavone Michelangelo, Conte Domenico, Leggiero Francesco, Maurodinoia Anna, Pomodoro Pasquale, Romagno Roberto, Romito Fabio Saverio, Vitto Domenico.

Aggiornamento al 18/09/2019

Qui di seguito le liste presentate e l’indice di ponderazione (dati Città metropolitana di Bari)

Commenti

commenti

Rispondi