Loading

Casamassima: una Onorevole per benedire i futuri assessori pentastellati del paesello.

Sarà Francesca Anna Ruggero, deputata del Movimento 5 Stelle eletta nel collegio Bari Bitonto con oltre il 50% dei voti, la personalità illustre alla cui presenza, Antonello Caravella ed i suoi boys and girls, candidati consiglieri, presenteranno domani sabato 5 maggio, la squadra degli assessori prescelti ad occupare le seggiole in caso di vittoria alle amministrative del 10 giugno prossimo.

Eletta il 4 marzo, già dal 20 però, occupava la cronaca dei giornali in merito ad un post scritto sulla sua pagina in cui affermava:

«#NoiSiamoPronti. Oggi partiamo per Roma per la proclamazione. STIAMO ARRIVANDO! Con le mani libere e in esse solo il biglietto in classe SUPER ECONOMY, per non incidere troppo nelle tasche dei contribuenti. Ci rivediamo presto per rendicontare direttamente cosa sarà successo a Montecitorio in questa importantissima settimana».

Peccato che la giovane studentessa di medicina, divenuta Deputata della Repubblica, non sappia che la classe Super Economy non esista. La denominazione della tariffa in Economy o Super Economy è data solo dal fatto che con le offerte sul sito di Trenitalia può capitare che i biglietti di prima classe costino meno di quelli di seconda grazie appunto, alla tariffa Economy o Super Economy.

Altrettanto curioso è il fatto che se  Francesca Anna Ruggero avesse comprato un biglietto di seconda classe e non di prima avrebbe pagato 20 euro in meno rispetto ai 49,90 spesi per il suo biglietto di prima classe con la tariffa Super Economy.

Nella foga del risparmio inesistente, dimentica di dire, che oltre lo stipendio, i parlamentari ricevono un rimborso forfettario che va dai seimila agli ottomila euro (soldi pubblici) per pagarsi tutte le spese e che i 5 Stelle, hanno dimostrato di saper usare i rimborsi forfettari fino all’ultimo centesimo, con buona pace dei “risparmi” veri o presunti.

Nel frattempo, tralasciando l’abbandono di Vito Schiuma di qualche giorno fa al paesello, a Nettuno, 4 consiglieri pentastellati, accompagnati da 9 dell’opposizione, vanno dal notaio e firmano le proprie dimissioni sfiduciando Angelo Casto, sindaco 5 Stelle della cittadina alle porte di Roma.

I 4 consiglieri del Movimento 5 Stelle firmatari la sfiducia al sindaco scrivono:

«Con questo noi sottoscritti Daniela De Luca, Marco Montani, Giuseppe Nigro, Simonetta Petroni – scrivono – non abbiamo mai avuto nulla a che fare e non intendiamo averne più in futuro. Noi siamo persone conosciute, serie, rispettabili e con la nostra dignità. Mai nel ruolo di portavoce M5S, da quando siamo stati eletti, siamo stati coinvolti in situazioni imbarazzanti per noi e per il M5S, come quelle che stanno accadendo negli ultimi due mesi. Consapevoli delle regole e dei valori del M5S , che abbiamo più volte ribadito per iscritto – sottolineano – non ci resta che seguire il consiglio dell’onorevole Bonafede, responsabile degli enti locali M5S Lazio, ovvero rassegnare le nostre irrevocabili dimissioni da consiglieri comunali, nella assoluta certezza che abbiamo sempre operato nell’interesse esclusivo dei cittadini, così come questo ultimo nostro atto di responsabilità politica».

 

Commenti

commenti

Leave a Reply