Loading

Come andrà a finire fra De Gennaro e Nitti?

Non sappiamo che sviluppi potrà prendere e che peso avrà sulla maggioranza di Giuseppe Nitti la questione che tra venerdì 29 e sabato 30 marzo, ha interessato la stampa.

La faccenda riguarda una variante non sostanziale al piano di lottizzazione, valore 70 milioni di euro, richiesta dal 2013 dalla Sud CommerciGruppo De Gennaro – per realizzare nuovi punti vendita nell’area in cui insiste attualmente il Parco Commerciale Auchan di Casamassima.

Il legale dell’impresa, Dott. Saverio Profeta, si chiede per quale ragione, nonostante il Comune di Casamassima abbia confermato le autorizzazioni commerciali rilasciate dalla Regione, abbia fatto trascorrere inutilmente sei anni frapponendo ostacoli di natura procedimentale senza giungere all’esame del provvedimento.

Siamo lì dal 2013 a mani giunte ad implorare come fa il suddito nei confronti di un sovrano, che si esamini in Consiglio Comunale, dichiara l’avv. Profeta a La Gazzetta del Mezzogiorno.     

Ed anche noi, nel nostro piccolo, tralasciando i giudizi e l’impatto socio – politico ed economico che il Centro Commerciale ha causato e continua a determinare sul territorio di Casamassima, ci chiediamo quali siano le ragioni che inducono Nitti e la sua amministrazione, nonostante il rispetto, così come afferma la Sud Commerci, delle normative vigenti, a far sì che il provvedimento non si sia portato ancora in Consiglio, luogo deputato a decidere?

Come mai, quando si parla di lottizzazioni qualcosa nella macchina politico amministrativa si inceppa? Come mai i provvedimenti tra commissioni competenti o addirittura portati come proposte di deliberazioni consiliari, vengono “stoppati”? Ed ancora, che fine ha fatto anche un’altra lottizzazione di cui ci siamo occupati a dicembre scorso, Ditta Castello s.r.l. (Acqua Amata), che veniva più volte proposta dalla maggioranza e poi ritirata?

Le cause di risarcimento danni milionarie sono dietro l’angolo?

Nel frattempo Agostino Mirizio, consigliere di minoranza,  verga sulla sua pagina Facebook:

Sulla notizia apparsa oggi che non può lasciarci indifferenti avevo già notificato, in data 9 marzo, formale richiesta di accesso agli atti che solo dopo numerosi solleciti avrò possibilità di visionare nei prossimi giorni. A questo punto urge un chiarimento da parte del Sindaco e della sua maggioranza che spero avvenga nella sede opportuna magari convocando con urgenza una seduta di Consiglio Comunale monotematico sul tema.  

 

Commenti

commenti

Rispondi