Loading

Consiglio Comunale di giovedì prossimo: anteprima.

Scompare dalla seconda versione di convocazione del Consiglio Comunale di giovedì prossimo 29 novembre, la richiesta da parte della Ditta Castello srl, del provvedimento autorizzativo per l’ampliamento dello stabilimento di estrazione e commercializzazione del’acqua Amata posto sulla provinciale Casamassima Adelfia. Motivo del ritiro sarebbero, come affermano i più informati, una serie di documentazioni incomplete e non sufficienti.

In compenso l’ordine del giorno aggiornato e corretto si arricchisce di una serie di interpellanze – interrogazioni che farebbero invidia ai palati più sopraffini e che meritano il “costo del biglietto”.

Sapremo finalmente, nel caso il cui il servizio di raccolta e trasporto dei rifiuti urbani sarà affidato alla Ditta Falzarano, così come deciso dalla sentenza del Consiglio di Stato, se il Comune attiverà con la massima urgenza quel censimento delle utenze, mai avvenuto nonostante fosse previsto dal contratto, per consentire un maggior controllo sia sull’evasione della TARI e sia per ridurre drasticamente il fenomeno dell’abbandono dei rifiuti.

Altro che droni e foto trappole.

Potremo conoscere le intenzioni dell’amministrazione comunale in riferimento a quella pratica obsoleta che costringe il pagamento dei tiket buoni pasto per i bambini che si servono della mensa scolastica, attraverso il versamento diretto in posta per poi presentare la ricevuta in Comune per abilitare ed accreditare l’importo dei buoni pasto stessi. Ci si chiede se attraverso una app non si possa direttamente versare l’importo on line senza che i genitori o chi per essi, debba sobbarcarsi perdite di tempo inutili sia per il versamento che per l’accreditamento con ulteriore coda negli uffici comunali.

Uno dei piatti forti sarà rappresentato, da quanto si continua a sostenere nel paesello circa le varie assunzioni indirette da parte del Comune o di società e/o aziende che gestiscono contratti di servizio per il Comune e per l’intera collettività. Qui l’interpellanza  chiederà di conoscere quali siano e quante siano le nuove risorse professionali che sono riuscite ad essere collocate nel mondo del lavoro partendo dagli autisti degli scuolabus, passando ai messi comunali, il cui elenco è stato pubblicato anche sull’Albo Pretorio comunale, sino ad arrivare alle ultime assunzioni da parte della Cogeir.

Per quanto riguarda gli scuolabus, sapremo finalmente quali le risultanze della verifica da parte degli uffici  sui requisiti tecnico – professionali dell’aggiudicatario in quanto riguarda il trasporto di minori. Inoltre si sapranno gli aspetti di legittimità dell’intero procedimento che, a detta dell’interpellanza, è avvenuto in violazione dell’art. 42 comma 2 lett. “e” del T.u.e.l..

Altro argomento interessante sarà il capire, dopo quel furto alla succursale della Media di via Lapenna, in cui furono sottratti tutti i computer della sala multimediali, quanti e di che tipo siano i pc donati, così come dichiarato dall’assessora Acciani, dal Politecnico di Bari.

Anche la strada vecchia Casamassima Cellamare, ormai divenuto un tratturo di campagna, al centro degli interrogativi. Ricordiamo che questa strada, interessata come unica via di accesso al nuovo depuratore di Casamassima che in questo ultimo periodo ha visto un accelerazione nei lavori, ha subito, causa transito continuo di mezzi pesanti, danni rilevanti.

Interrogativi anche a proposito del centro cap disabili e dei fondi da destinare ai più bisognosi.

E con il Natale alle porte non poteva mancare il sapere come saranno utilizzate quelle dieci casette in legno prefabbricate acquistate al costo complessivo di € 6.220 a cui si sono aggiunte in queste ore € 3.111 per la verniciatura, ed in che modo i commercianti ne potranno usufruire. Sembrerebbe inoltre che sia stato richiesto un contributo pari a 30 euro per l’acquisto di un kit “natalizio” da utilizzare per l’imminente festività. A questo proposito si apprende che è stato già pubblicizzato il calendario degli eventi che dall’8 dicembre ci accompagnerà verso il Natale. Sulla locandina,  insieme al logo del Comune compare la scritta in collaborazione con Impronta Eventi, di cui attualmente non si sa nulla. E’ questa l’agenzia di Molfetta specializzata nella creazione di eventi contattata dal comune per l’organizzazione? Ed i costi di tali impegno dove sono riscontrabili visto che ad oggi non figura ancora niente? I quindicimila euro stanziati dall’amministrazione comunale di cui parla l’assessora Acciani in una dichiarazione rilasciata a La Voce del Paese il 17 novembre scorso, si riferiscono a questo? E l’aumento senza giustificarne il fine, di quei 19 mila euro sulle Attività Culturali annunciati durante il Consiglio Comunale del 5 novembre, servono anche per questo?

Per completare anche la chiusura dell’Info Point e la non ammissione ai sovvenzionamenti da parte del Ministero sul Carnevale al centro degli interrogativi.

Anche l’imminente scadenza della convenzione relativa all’ampliamento del Centro Commerciale al centro delle “indagini conoscitive”. E qui ritorna prepotentemente la questione famosa relativa ai “ponti Auchan”, dove, qualche anno fa, perse la vita una nostra concittadina.

Interessante sarà anche conoscere il criterio di scelta che l’Ufficio Tecnico sta mettendo in campo, sulla cernita delle imprese invitate a realizzare vari lavori che l’amministrazione ha in programma. Non sappiamo se l’incarico affidato proprio oggi ad un professionista di Turi per la progettazione e la direzione lavori per la riqualificazione del Campo Sportivo pari ad € 5.200, rientri fra questi.

E per ultima la questione scuole di Casamassima. In attesa di conoscere le risultanze della relazione tecnica dell’ing. Colapietro sullo “stato di salute” della Scuola Media Dante Alighieri, sapremo a che punto sono i lavori sulla Collodi, se i fondi necessari in cassa saranno sufficienti e se i tempi di ultimazione e consegna saranno rispettati in considerazione del fatto che il Majorana non sarebbe più disponibile a rinnovare il contratto di affitto per l’anno prossimo.

Nel frattempo, nonostante i toni trionfalistici di qualcuno, l’ascensore della Marconi è ancora fuori uso. Che non ci siano fondi sufficienti per la riparazione?

Completeranno i lavori i soliti debiti fuori bilancio, il nuovo regolamento di contabilità e di video sorveglianza, le mozioni contro il DDL Salvini, sulla modifica della targa posta sulla facciata del Palazzo Comunale in ricordo del poeta Nazariantz, sull’istituzione della giornata della memoria delle vittime dell’Unità d’Italia e quella sull’uso della plastica.

Ma queste sono tutte altre future storie.

 

Commenti

commenti

Leave a Reply

This function has been disabled for Maurizio Saliani.