Loading

La comunicazione (dei sindaci) al tempo del coronavirus.

Archiviata la Pasqua e la relativa immancabile Pasquetta sul balcone o nel giardino di casa, per i più fortunati, i sindaci di ogni ordine e grado sono stati impegnati, ieri 14 aprile, ad informare i cittadini che hanno l’onere e l’onore di amministrare, in riferimento all’emergenza sanitaria che stiamo tutti vivendo.

Mentre alle ore 19.23 apprendevamo dal sindaco di Casamassima, Giuseppe Nitti, dell’esistenza di una discrepanza fra i numeri dei contagiati forniti dalla Prefettura e quelli forniti dal bollettino quotidiano della Regione Puglia, che, come ha sostenuto il sindaco, non ci restituisce un dato certo, anche altri sindaci erano impegnati, sullo stesso fronte dell’informazione,

Nel nostro girovagare sul web, non ci resta che il web per prendere un po’ d’aria oramai, ci siamo imbattuti in un altro profilo Facebook: quello di Angelo Annese, sindaco di Monopoli, che alle 20.46 lo vedeva impegnato nei canonici aggiornamenti.

Ci ha colpito molto il modo di comunicare, ieri non con un video, ma con un post che ci è sembrato dettagliato e completo. Ma quello che più ha attirato la nostra attenzione è stata la precisione in cui venivano comunicati i dati riferiti ai contagiati da Covid-19 che accludevano la tabella che riportiamo.

Fascia d’età del contagiato, come ha contratto il virus e stato di salute riscontrato.

Mi sono immediatamente chiesto come mai a Monopoli il sindaco ha addirittura la possibilità di comunicare il numero dei contagiati e di coloro i quali sono a casa in “quarantena” mentre il sindaco di Casamassima non trova coincidenza fra i numeri di Prefettura e Regione?

Eppure Monopoli e Casamassima sono comuni che rientrano entrambi nella Città Metropolitana di Bari e che rispondono anche alla stessa Prefettura. Sarà a causa della ASL o dei canali di informazione mancanti o diversi?

Che la risposta sia da ricercare anche fra come le amministrazioni si pongono di fronte all’emergenza Coronavirus?

A questo proposito vi invito prima a visitare la sezione coronavirus del comune di Casamassima (clicca qui) e poi quella del comune di Monopoli (clicca qui).

Commenti

commenti

Leave a Reply