Loading

Le fake news del sindaco Giuseppe Nitti.

Il sindaco di Casamassima, Giuseppe Nitti, ieri, 28 agosto, scrive sul proprio profilo facebook:

Le scuole sono una priorità!

Abbiamo lavorato intensamente a luglio e agosto al fine di ottenere un finanziamento di €90.000,00 per interventi di adeguamento e di adattamento funzionale degli spazi e aule didattiche in conseguenza dell’emergenza sanitaria da Covid 19.

Da un controllo risulta che proprio la dizione «abbiamo lavorato intensamente a luglio e agosto al fine di ottenere un finanziamento di €90.000,00» risulta essere una notizia non veritiera.

Infatti il sindaco non ricorda che il 7 luglio 2020 il Ministero dell’Istruzione pubblicava la graduatoria per l’accesso ai fondi per l’edilizia “leggera” in cui figurava anche Casamassima, insieme ai circa 8000 comuni italiani, per un importo pari a 90 mila euro.

Il sindaco, inoltre, non ricorda, che il sito istituzionale del comune, nella stessa data, 7 luglio 2020, informava di essere beneficiario di un finanziamento pari a 90 mila euro.

Tale finanziamento sarà utilizzato per l’adeguamento degli spazi scolastici a seguito del Covid-19.

Quindi questi fondi, giunti decisamente molto prima del consueto periodo che si dedica alle ferie non sono stati causa di notti insonni o lavori straordinari come il sindaco vorrebbe far intendere.

Ma c’è di più.

Il 31 luglio 2020, il sindaco ancora non ricorda, di aver controfirmato la delibera di giunta n. 92 in cui si procedeva ad una variazione di bilancio in cui si introitavano contabilmente quei 90 mila euro per l’adeguamento e l’adattamento funzionale degli spazi e delle aule didattiche in conseguenza del Covid-19.

Alla luce di ciò, nessun lavoro intenso a luglio e agosto per ottenere tale finanziamento che, attraverso solo l’analisi di atti controfirmati dallo stesso sindaco, risulta essere molto antecedente il periodo di ferie che il sindaco e i suoi assessori ci auguriamo abbiano potuto usufruire normalmente.

A queste contestazioni il Nitti prima fa riferimento a ipotetici fondi comunali, di cui mai nessuno ha parlato e poi, come si fa abitualmente quando si viene scoperti sporchi di nutella quando la mamma te l’ha vietata, balbettando l’odio nei suoi confronti, la butta in caciara facendo riferimento ad un art. 2 di un PON che con questo preciso finanziamento di 90 mila euro non centra nulla.

Ora, che il sindaco abbia mille problemi e che qualcosa gli possa sfuggire è fuori di dubbio, ma è credibile che siano sfuggiti anche all’addetto stampa personale?

Caro sindaco Nitti, l’odio, come l’amore, suo naturale contraltare, sono sentimenti profondi che meritano attenzione e partecipazione attiva. Perché lei è così presuntuoso da credere di suscitare un tale sforzo emotivo da parte di tutti noi?

Non le viene in mente che la critica e la contestazione possano essere il sale della democrazia? Capiamo che facciano piacere i bravo, bene, bis, ma ogni tanto, da uomo politico, consideri anche che chi la segue, oltre leggere quello che lei firma, vede i TG, compra i giornali e si informa e non assorbe passivamente l’informazione che i sindaci amano vergare sui social per un facile e acritico consenso.

Comunque, per rimanere sul tema scuole, la Collodi è entrata nella piena disponibilità della dirigenza scolastica? Le bambine e i bambini che fanno scuola in quei locali alla strada in via Lapenna avranno finalmente una scuola vera? E le aule dell’istituto superiore saranno o no utilizzate ancora per ospitare gli studenti del paesello?

Buona giornata a tutti.

Commenti

commenti

Leave a Reply