Loading

Nitti, il sindaco, riparte dall’aranceto di via Sammichele.

E’ ancora vivo il ricordo del giovane Giuseppi Nitti con il mano la zappa, il rastrello e la scopa allorquando, seguito dai suoi candidati supporter più fedeli, piantava per il paesello i suoi profumatissimi fiorellini ridando vita, con l’impeto e l’amore che solo un buon giardiniere ha, agli spazi abbandonati da dio e dagli uomini.

Per troppi anni quel cattivissimo sindaco che l’aveva preceduto, impegnato com’era a rimanere in sella mentre l’emiciclo sobbalzava durante le scosse telluriche spaventose causate dal ballerino Nitti indeciso tra maggioranza o minoranza, aveva purtroppo trascurato l’importanza del decoro.

Ma dopo quella campagna elettorale tutta votata al verde, al bello, al bellissimo paese che verrà, la rinascita del paesello finalmente, dopo tre anni scarsi, è sotto gli occhi di tutti. Mai più dimenticanze, mai più sporcizia e abbandono, mai più alberelli di qualche secolo abbattuti, mai più blatte o zoccole. Tutto è perfetto, tutto è eccellente.

Strade, giardini, scuole, centro e periferia.

Ed allora come mai Giuseppi decide di voler far adottare alle associazioni di Casamassima, animate da soci con spiccato spirito pulitorio, le strade rurali del paesello a sud est la grande metropoli?

Come, proprio oggi che sei finalmente approdato a Palazzo di Città e che avresti tutti i mezzi a disposizione con quel nuovo contratto con l’azienda dei rifiuti che hai tu controfirmato senza peraltro fornirne copia pubblicamente, ora che hai a disposizione droni, elicotteri Apache e l’ex aereo di stato di Renzi che vigila dall’alto chiedi la collaborazione dei cittadini per pulire le strade? Proprio tu, caro sindaco del paesello, che avresti i mezzi necessari per quel censimento delle utenze richiesto da più parti, inviti, con i guanti e con la mascherina, i cittadini a pulire quello che con le loro tasse dovrebbe esserlo di già?

Signor sindaco, ma veramente dice?

Noi, ci creda, non vogliamo adottare le strade rurali, ma il comune.

Accolga l’invito.

Si riposi.

P.S.

A proposito: come farà il sindaco a gestire la numerosa folla assembrata sotto l’aranceto di via Sammichele chiamata a ripulire il paesello in zona arancione?

(In copertina il sindaco Giuseppe Nitti durante la campagna elettorale del 2018)

Commenti

commenti

Leave a Reply

This function has been disabled for Maurizio Saliani.