Loading

Per Pinuccio Fortunato il sindaco è Giuseppe Nitti.

Già consigliere di Libera Casamassima, lista oggi in quiescenza, Giuseppe Nitti, giovane avvocato trentunenne, rivestirà i panni di candidato sindaco per una coalizione che vedrà presenti, oltre la sua lista personale, anche e soprattutto Autonomia Cittadina, che ha fortemente voluto questa candidatura, Rivoltiamo Casamassima e Civicamente di Guerra & Rubino.

Sembrava che questa coalizione potesse anche inglobare uno spento PD del nuovo corso rappresentato da Rocco Bagalà, ma le trattative si sono bruscamente ed irrimediabilmente e definitivamente interrotte. Mentre scriviamo non sappiamo se i dissensi all’interno del PD, sia nei confronti dell’accettazione di un candidato sindaco discusso e sia nei confronti di una coalizione a trazione Autonomista, si concretizzeranno o no attraverso una candidatura alternativa che possa coagulare quello che rimane del molto centro e non pervenuta sinistra che rappresenta la politica di questo partito. Potrebbe essere il professor Vito De Tommaso, con una propria lista e quindi svincolato dal PD, l’unica figura di rilievo con spiccate doti di sintesi in grado di ricompattare il centro sinistra che vedrebbe il PD praticare l’unica strada possibile: sostenere la candidatura dell’ex sindaco per tentare la strada della riproposizione dopo il terremoto Cessa.

A questo punto, Liberi E Uguali, la nuova formazione nata dalla fusione di Articolo 1MPD di Speranza-Bersani, Possibile di Civati e SI di FratoianniVendola, guidata a Casamassima da Giacinto Rella, potrebbe, nonostante «mai con il PD», lasciare la strada dell’intesa con Autonomia per confluire in alleanza con il professore ed ex sindaco De Tommaso.

Certo è che l’accelerazione di Autonomia, guidata dal nuovo segretario politico Pinuccio Fortunato, che entro fine anno vuole delimitare il campo da gioco per iniziare una campagna elettorale chiara e senza sotterfugio alcuno, ha creato non pochi problemi praticamente a tutti i partiti o liste che vorrebbero entrare nell’agone politico.

A breve si prevede l’ufficializzazione di questa nuova prima coalizione che non sappiamo se riuscirà a convogliare il consenso di altri attori oggi in campo.

 

 

Commenti

commenti

Rispondi