Loading

Un mistero che dura da 38 anni.

Ustica è un comune di 1539 abitanti e fa parte della Città Metropolitana di Palermo. Il suo territorio è rappresentato da quella piccola parte emersa di un vulcano sottomarino, il Monte Anchise, sperone di terra e roccia di soli 8,5 km quadrati.

Balzò agli onori della cronaca quando, il 27 giugno del 1980, un DC9 dell’Itavia partito da Bologna e diretto a Palermo, cadde in mare nei suoi pressi. Non si salvò nessuno. Morirono 77 passeggeri e 4 componenti l’equipaggio; totale 81 vittime. Fra queste 11 ragazzi tra i due e i dodici anni e due bambini di età inferiore ai 24 mesi.

Le piste investigative che si sono susseguite in questi lunghi 38 anni, partendo dall’ipotesi di un ordigno a bordo che aveva probabilmente provocato l’esplosione in volo, giungono a chiarire, senza ombra di dubbio, che quel volo partito da Bologna alle 20.08, era stato colpito da un missile. Queste le risultanze del processo tenutosi nel 1986.

Nel 1999 il giudice Rosario Priore conclude la requisitoria sentenziando che «l’incidente al DC-9 è occorso a seguito di azione militare di intercettamento. Dunque c’era la guerra, quella notte del 27 giugno 1980 nel cielo di Ustica e il DC-9 è stato abbattuto, è stata spezzata la vita a 81 cittadini innocenti con un’azione, che è stata propriamente atto di guerra, guerra di fatto e non dichiarata, operazione di polizia internazionale coperta contro il nostro Paese, di cui sono stati violati i confini e i diritti. Nessuno ha dato la minima spiegazione di quanto è avvenuto».

Ma dopo le pesanti condanne dei vertici del Ministero della Difesa e del Ministero dei Trasporti, ancora oggi, siamo a chiederci chi abbia mai aperto le ostilità nei confronti dell’Italia attraverso quell’azione di guerra.

Un paese alleato? E perchè?

Perchè continua la reticenza dello Stato?
I comportamenti di chi si continuano a sottacere?

I parenti delle vittime e noi tutti siamo in attesa di conoscere, dopo 38 anni, tutta la verità.

 

Qui l’Associazione Parenti delle Vittime della strage di Ustica.

 

Commenti

commenti

Leave a Reply